C'era una volta una gatta,
che aveva una macchia nera sul muso,
e una vecchia soffitta vicino al mare,
con una finestra a un passo dal cielo blu.
Se la chitarra suonavo, la gatta faceva le fusa
ed una stellina scendeva vicina, vicina,
poi mi sorrideva e se ne tornava su.
Ora non abito pił lą, tutto č cambiato,
non abito pił lą, ho una casa bellissima,
bellissima come vuoi tu.
Ma, io ripenso a una gatta,
che aveva una macchia nera sul muso,
a una vecchia soffitta vicino al mare,
con una stellina, che ora non vedo pił.
............................................................
Ora non abito pił lą, tutto č cambiato,
non abito pił lą, ho una casa bellissima,
bellissima come vuoi tu.
Ma, io ripenso a una gatta,
che aveva una macchia nera sul muso,
a una vecchia soffitta vicino al mare,
con una stellina, che ora non vedo pił.