8 Settembre

Sei minuti a l'alba
el gh'Ŕ gnanca ciar
sei minuti a l'alba
il prete Ŕ pronto giÓ.

L'Ŕ giam˛ mes'ura
ch'el va drŔ a parlÓ
"gliel'ho detto padre, debun
mi ¨ giam˛ pregÓ".

Nella cella accanto
canten na cansun
"Si, ma non Ŕ il momento
un pu' d'educasiun".

Mi anca piangiaria,
il groppo Ŕ pronto giÓ;
piangere d'accordo, e perchÚ,
mi han da fucilÓ.

Vott setember sunt scapÓ
¨ finý de fa el suldÓ
al paes mi sunt turnÓ
disertore m'han ciamÓ.

De sul treno caregÓ
n'altra volta sunt scapÓ
in montagna sono andato
ma l'altr'er,
cui ribelli m'han ciapÓ.

Entra un ufficiale
mi offre da fumar
"Grazie ma non fumo
prima di mangiar".

Fa la faccia offesa
mi tocca di accettar,
le manette ai polsi son giÓ
quei lý van a drŔ a cantÓ.

E strascino i piedi
e mi sento mal
sei minuti a l'alba
Dio cume l'Ŕ ciar.

Tocca farsi forza
ci vuole un bel final
dai, allunga il passo, perchÚ
ci vuole dignitÓ.

Tocca farsi forza
ci vuole un bel final
dai, allunga il passo, perchÚ
ci vuole dignitÓ.

De sul treno caregÓ
n'altra volta sunt scapÓ
in montagna sono andato
ma l'altr'er,
cui ribelli m'han ciapÓ.